BASTONI DI MARCA, CLONI E COMPONENTI DI ATTREZZATURA DA GOLF

Scopriamo la differenza tra ferri cloni e ferri falsi

Se vi apprestate a cambiare la vostra attrezzatura, oppure desiderate acquistare un nuovo bastone da mettere in sacca, allora vi tornerà utile leggere questo articolo nel quale ci addentreremo nel vasto mercato dell'attrezzatura da golf. Così come avviene nel mercato di svariati prodotti, anche quello che riguarda l'attrezzatura da golf ha visto il proliferare di riproduzioni illegali, specialmente negli acquisti su internet, dove la truffa si nasconde dietro ogni click. In questa pagina andremo ad analizzare i vari bastoni presenti sul mercato, ci occuperemo invece dei falsi, e sui metodi per riconoscerli nel prossimo articolo.

Ma andiamo con ordine. Nel mercato dei bastoni da golf, alcune marche la fanno da padrone, grazie alle innovazioni tecnologiche che hanno applicato ai loro bastoni, alla fama acquisita negli anni ma anche, possiamo dirlo, all'elevato budget che mettono a disposizione per la promozione dei loro prodotti sponsorizzando tornei professionistici, campioni del tour e acquistando spazi pubblicitari nelle riviste di settore. La pubblicità è l'anima del commercio, e i golfisti vogliono avere in sacca i bastoni che vedono utilizzati dai loro beniamini in tv.

A fianco delle marche note come Ping, Mizuno, Taylor Made, Callaway per citare le più note, cercano di ritagliarsi una fetta di mercato anche le aziende che producono componenti. Alcune di queste, come Maltby, Alpha, Hireko e Tom Wishon possono vantare una eccellente considerazione anche tra i giocatori esperti : queste aziende infatti offrono prodotti di eccellente qualità, paragonabile e talvolta superiore a quella delle grandi marche, pur restando ai margini della grande distribuzione per politiche aziendali differenti. Per tale motivo questi bastoni sono spesso utilizzati dai club maker che assemblano i bastoni per i loro clienti, personalizzandoli in base alle loro caratteristiche tecniche e antropomorfiche.

L'articolo continua dopo il banner
enertor
Autore: Guido Caneo
13 COMMENTI PRESENTI
batterie golf