LA STRATEGIA SUL PERCORSO

Un recupero...di lucidità

guido caneo Capita spesso di terminare nella condizione rappresentata nelle foto dove sono alle prese con la buca 18 del golf Fioranello, un par 4, non molto lungo, ma reso comunque insidioso dal bosco, che affianca la pista su entrambi i lati. Il mio colpo di partenza è terminato proprio in pieno bosco, sul lato sinistro del fairway, a circa 130 mt dalla bandiera.

A questo punto si prospettano due soluzioni: tentare di raggiungere direttamente il green, facendo volare la palla dritta e tesa attraverso gli alberi che ho di fronte (foto1); oppure effettuare un approccio laterale verso il fairway, che rimetta in gioco la palla senza correre ulteriori rischi (foto 2). Non avete bisogno che vi spieghi quanto la prima soluzione richieda padronanza tecnica e fiducia nei propri mezzi. La seconda possibilità è invece alla portata della maggior parte dei giocatori.

L'articolo continua dopo il banner
enertor

lay upLa soluzione della foto 2 è tanto semplice quanto idonea a risolvere l’errore: con la palla di nuovo in pista si potrà proseguire senza ripercussioni sul morale. La soluzione della foto 1, in quanto tecnicamente più complessa, presenta un grado di rischio superiore: un recupero sbagliato può innescare una serie di errori e incidere irrimediabilmente sull’ atteggiamento di gioco. Questo sì che andrà a compromettere l’intero giro di gara!

L’assunzione di questo rischio dovrà essere, perciò, giustificata dalle concrete circostanze di gara.

Autore: Guido Caneo
NON CI SONO ANCORA COMMENTI
batterie golf