LE ULTIME NOVITÀ DAL FLIGHTSCOPE E TRACKMAN SULLE TRAIETTORIE

Il volo della palla nel golf analizzato secondo le nuove scoperte dei radar per il golf

i voli della palla nel golf

Decisamente, il destino del proprio colpo è scritto nei momenti immediatamente precedenti l'impatto con la pallina e in quelli immediatamente successivi. In questo brevissimo frangente infatti, il bastone colpisce la pallina e ne determina la traiettoria con tutte le sue caratteristiche balistiche (distanza, altezza, spin, traiettoria di partenza, curvatura terminale ecc). E' il momento della verità. Tutto ciò che facciamo durante la preparazione al colpo e nello swing è mirato ad ottenere un impatto corretto con la pallina.

golf impactLe traiettorie che una pallina può compiere sono molteplici, nella peggiore delle ipotesi la pallina potrebbe addirittura non volare affatto e rimanere lì, imperterrita e beffarda. Malgrado ciò, per analizzare ciò che accade in un colpo da golf, noi consideriamo solamente 9 traiettorie, trascurando i colpi nei quali la pallina non ha avuto un impatto pieno con la faccia del bastone.

In questa pagina e nelle prossime, andremo ad analizzare tutti gli aspetti riguardanti il volo della palla, ed in particolar modo le recenti scoperte fatte grazie all'utilizzo del Trackman Golf ball monitor e il flightscope, due macchine dotate di radar doppler in grado di rilevare (e rivelare) tutto ciò che accade al momento dell'impatto della palla.

L'articolo continua dopo il banner
putter golf

Perchè la pallina vola

balistica: il backspin nei colpi da golfOgni volta che noi colpiamo una pallina da golf, le imprimiamo un effetto rotatorio all'indietro chiamato "backspin", che permette alla pallina di staccarsi dal terreno e volare. A determinare la quantità di backspin di una pallina è principalmente il loft dinamico del bastone, cioè l'inclinazione della faccia del bastone al momento della collisione. Maggiore è il loft del bastone, maggiore sarà la quantità di rivoluzioni all'indietro che verrà impressa alla pallina. Il backspin è presente in tutti i bastoni da golf, poichè tutti hanno la caratteristica di avere, chi più chi meno, un loft. Persino il putter ha una faccia del bastone che presenta una leggera inclinazione di pochi gradi (generalmente 4°), pertanto quando la testa del putter colpisce la pallina, impercettibilmente questa tenderà a volare per effetto del backspin. Intendiamoci, parliamo di pochissimi gradi, sufficenti e utili a vincere l'attrito con l'erba immediatamente oltre la pallina. 

La pallina vola seguendo le "indicazioni" date dal bastone nel momento dell'impatto, non vi è dunque alcun mistero sulle possibili traiettorie, solo causa ed effetto. La conoscenza di alcuni concetti di balistica, fisica e biomeccanica applicati al golf è molto importante per comprendere meglio le cause di un errore e come intervenire per correggerle.

Trackman MachineGli strumenti tecnologici a disposizione hanno consentito eccezionali progressi nella determinazione di quanto accada alla pallina durante l'impatto con la faccia del bastone da golf. Molte informazioni, in particolar modo, sono state acquisite attraverso l'ultilizzo del Trackman, una macchina dotata di un radar che non solo è in grado di seguire il volo della palla e "leggere" l'impatto, ma è anche in grado di rilasciare istantaneamente un numero elevatissimo di informazioni che ha consentito a noi tecnici dello swing di scoprire alcune importanti curiosità sulla balistica e i voli della palla.

Tanti anni fa Theodore Jorgensen, autore del libro "The Physics of Golf", illustrò una sua teoria sui voli della palla che recentemente ha trovato riscontro proprio grazie ai test effettuati con il Trackman Machine.

Sto parlando del D Plane. Grazie ai test effettuati col Trackman è stato possibile rilevare che ciò che influenza maggiormente la direzione iniziale di partenza della pallina non è la traiettoria della testa del bastone, bensì la posizione della faccia del bastone al momento dell'impatto con la palla. In sostanza la pallina parte nella direzione determinata dalla posizione della faccia per circa l'85%, solo per il restante 15% circa viene influenzata dalla traiettoria della testa del bastone. Nelle prossime pagine entreremo più nel dettaglio dei voli della palla e del D-Plane di Jorgensen, e soprattutto in che modo ha cambiato sostanzialmente il modo di interpretare i nostri colpi.

Sempre attraverso l'utilizzo del Flightscope e del Trackman è stato possibile scoprire che i giocatori di torneo fanno volare la pallina alla stessa altezza con tutti i bastoni della sacca. Dal sand iron al driver la pallina ha una altezza massima di circa 30 metri per tutti i bastoni, ciò che effettivamente cambia è solo la distanza del colpo.

Autore: Guido Caneo
NON CI SONO ANCORA COMMENTI
occhiali da golf