LO SWING COMPLETO DEL GOLF

Lo swing, in cosa consiste e come migliorarlo

Lo swing è un movimento estremamente tecnico, costituito da una torsione del busto e una serie di movimenti innaturali soprattutto per chi si appresta ad impararlo in età matura. Ciò che rende difficile l’esecuzione dello swing è essenzialmente il fatto di sollecitare muscoli pressoché inattivi nella vita quotidiana e l'esigenza di una buona coordinazione.

swing golf Il corpo umano, analizzato sotto l'aspetto biomeccanico nell'esecuzione dello swing, è un sistema di tre leve: la prima è la spalla sinistra, intesa come la distanza dello sterno dall'estremità di essa; la seconda è il braccio sinistro disteso e la terza è il bastone con perno sui polsi. Lo swing altro non è che il movimento ritmato e connesso di queste tre leve, con implicazioni che ricadono poi su molte altre parti del corpo che devono muoversi rispettando una precisa sequenza.

A questo punto della lettura ti aspetti che io ti illustri quale sia il modello di swing ideale, lo swing perfetto insomma. So di deluderti, ma è bene che tu sappia, da subito, che lo swing perfetto non esiste. O almeno, non esiste un modello di swing ideale e perfetto che vada bene per tutti. Nessuno è nato uguale a qualcun altro, e la storia dei campioni di golf ci insegna che si possono vincere tornei Major con grip, set up, timing, impatti e traiettorie differenti. Con swing differenti, quindi.  Da Lee Trevino a Nicklaus, da Tiger Woods a Jordan Spieth, nella storia del golf abbiamo visto campioni dominare la scena con swing differenti, a volte poco eleganti esteticamente, altre volte perfino ricchi di caratteristiche considerate comunemente "errori" da correggere immediatamente. Eppure erano tutti "sistemi" efficaci, che hanno funzionato, perchè tutti, con modalità differenti, riuscivano, con ripetitività, a mandare la pallina nella direzione desiderata con la forza necessaria.

Dunque, non esiste uno swing perfetto, dicevamo, ma da qualche parte bisognerà pure iniziare, direte voi. E quindi nelle prossime pagine vi guiderò attraverso l'apprendimento dei corretti principi dello swing, così da buttare giù le fondamenta per costruire uno swing efficace e solido, perfezionabile in campo pratica, dove magari avremmo modo di lavorare insieme.

Se hai visto già il mio video SwingSkills (se non lo hai fatto ti consiglio di non perdertelo, lo trovi qui) avrai imparato quanto siano importanti alcuni "concetti chiave", chiamali segreti, chiamali come vuoi, ma è importante che ogni swing rispetti alcune condizioni fondamentali.

L'articolo continua dopo il banner
putter golf

backswing Di fatto, durante l'esecuzione dello swing, il giocatore esegue due movimenti indispensabili e fondamentali: il corpo effettua una rotazione di circa 85-90 gradi nel backswing attorno al centro dello swing (lo possiamo visualizzare come la proiezione dello sterno sulla colonna vertebrale) per poi eseguire la stessa rotazione nel downswing e, attraverso la palla, fino a completamento del movimento. Questo movimento rotatorio del busto è assolutamente il più importante nella dinamica dello swing, poichè attraverso tale rotazione si crea forza centrifuga da trasmettere alle braccia e quindi al bastone per colpire la pallina.

A tal proposito è importante sottolineare come nei giocatori dilettanti la difficoltà che si riscontra maggiormente non è quella di eseguire una sufficiente rotazione bensì quella di effettuarla sul piano corretto.

Mi spiego: osservando lateralmente la posizione di partenza del giocatore, si può vedere che la schiena è inclinata in avanti (con una inclinazione variabile a seconda del bastone che si è impugnato). La rotazione della schiena durante lo swing deve essere eseguita mantenendo la stessa inclinazione di partenza, un'azione, che richiede molto allenamento. Se si vorrà mantenere il centro dello swing sempre alla stessa distanza dalla pallina non dovranno esserci movimenti verticali del busto.

Le braccia invece, hanno il compito di alzare il bastone e, con la flessione dei polsi, mettere in movimento la terza leva (il bastone). Durante l'esecuzione dello swing questi due movimenti devono essere effettuati coordinatamente e in connessione per ottenere un colpo ripetitivo. Chiaro che l'azione di salita di braccia e bastone eseguita in connessione con la rotazione del busto determina il movimento di vari parti del corpo che, come detto in precedenza, contribuiscono alla riuscita del colpo.

Nei prossimi articoli andremo ad analizzare più nel dettaglio tutti gli aspetti dello swing nel golf.

Autore: Guido Caneo
1 COMMENTO PRESENTE
bputters