WRIST ACTION: DIFFERENZA TRA AMATEUR E PRO

img

Quanto è importante il movimento dei polsi durante lo swing? Tanto, sicuramente è uno degli aspetti più importanti per un movimento solido e efficace, d'altro canto le mani sono l'unico collegamento diretto tra il giocatore e il bastone.

Nella analisi biomeccanica di uno swing, i polsi spesso si adattano alle diverse posizioni e movimenti del corpo, ma accade molto spesso il contrario: il corpo "compensa" una posizione sbagliata dei polsi.

Per misurare e analizzare il movimento dei polsi nello swing dei miei giocatori, io utilizzo due software di analisi tridimensionale, MySwing Pro 3d e HackMotion Sensor. Quest'ultimo è un dispositivo specifico per la misurazione del movimento dei polsi nei colpi lunghi, negli approcci e nel put. 

In questo articolo andremo a mettere a confronto un tipico colpo eseguito da un giocatore dilettante di hcp medio, rispetto al movimento dei polsi di un giocatore professionista. Grazie al dispositivo HackMotion potremo scoprire le differenze e comprendere come migliorare sensibilmente il nostro gioco. 

Prima di iniziare, dobbiamo comprendere quali siano i movimenti principali che i nostri polsi compiono durante lo swing, e sono: Flessione/estensione, deviazione radiale/deviazione ulnare. In questo articolo, prenderemo in considerazione solo il primo parametro, e cioè flessione ed estensione dei polsi. No, non è complicato, guardate l'immagina qui sotto.

wrist action

L'immagina mostra una posizione del polso sinistro neutra (0 gradi), estesa e flessa. Nello swing, quando un polso si estende, l'altro si flette e viceversa. HackMotion misura il grado di flessione o estensione del polso dominante (il sinistro per giocatori destri e il destro per i mancini), in pratica il polso della mano in cui mettiamo il guanto. Quando il polso si estende, il valore in grado è positivo (esempio 10 gradi), mentre quando il polso è flesso il valore è negativo ( esempio -10 gradi). 

Nell'immagine che segue, ci sono i dati rilevati dal sensore per un giocatore professionista che ha eseguito 5 colpi di seguito con un ferro 7. Prendiamo in esame i dati in corrispondenza della tabella in verde, e cioè la posizione del polso sinistro in partenza, all'apice del backswing e all'impatto. Come si può vedere, si tratta di un giocatore che...

L'articolo continua dopo il banner

Come si può vedere, si tratta di un giocatore che ha come caratteristica quella di avere un grip con mano sinistra abbastanza "forte", infatti il polso sinistro risulta esteso di circa 27 gradi. All'apice del backswing il polso sinistro perde parte della sua estensione, avvicinandosi ad una posizione neutra (valore intorno ai 10 gradi). All'impatto con la palla, invece, vediamo sempre numeri negativi, poichè il giocatore colpisce la palla con il polso sinistro flesso di alcuni gradi. In sostanza, il giocatore passa da un polso leggermente esteso all'apice del backswing, ad un polso piuttosto flesso all'impatto. 

flexion wrist

Guardando il grafico qui sopra, si può vedere come il giocatore inizi la fase di discesa sulla palla modificando repentinamente la posizione del polso sinistro per mantenerla in flessione durante l'impatto. Successivamente, il polso sinistro perde la sua flessione e torna ad estendersi.

Adesso analizziamo i cinque colpi eseguiti da un giocatore di seconda categoria con un ferro 7.

polso esteso

Osservando i dati del giocatore dilettante, la prima cosa che salta all'occhio è la inferiore ripetitività rispetto al pro.

Tra un colpo e l'altro la differenza nelle posizioni è decisamente più alta, nel pro la differenza era sempre di pochissimi gradi. Il giocatore amateur ha una posizione di partenza del polso sinistro molto simile a quella del pro, con una estensione intorno ai 25/28 gradi. All'apice del backswing però, mentre il pro diminuiva la estensione del polso, il giocatore dilettante la incrementa. Al momento dell'impatto con la palla, il polso del giocatore dilettante ha perso un pò di estensione per tornare ad una posizione molto simile a quella che aveva in partenza, quindi con un polso sinistro esteso di circa 25/30 gradi, a differenza del giocatore professionista che all'impatto si trovava con il polso flesso di circa 14 (-14 gradi).

In definitiva, il giocatore dilettante ha colpito tutti e 5 i colpi con il polso sinistro esteso, il professionista sempre con il polso flesso.

Sebbene questi siano soli due esempi, possono senza dubbio rappresentare il tipico movimento dei polsi dei giocatori professionisti e dei giocatori medi che faticano a comprimere la palla e generare colpi solidi e potenti. Ai fini del miglioramento, però, è determinante una analisi effettuata da professionista in grado di comprendere se un movimento sbagliato dei polsi sia l'effetto e la reazione ad una sequenza cinematica errata. Buon allenamento.

Go to HOME
CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO