LA STORIA DEL GIOCO DEL GOLF

I primi bastoni di legno, le prime buche di Musselburgh e St.Andrews: scopriamo insieme come è nato il gioco del golf

guido caneo

Il gioco del golf è certamente nato in Scozia, sebbene già gli antichi Romani si dilettassero con un gioco più o meno simile al nostro golf e che per l'appunto consisteva nel colpire oggetti rotondi con delle mazze (paganica).

Alcuni studiosi indicano invece come origine del gioco il Kolf olandese. Di fatto, però, è in Scozia che il golf ha vissuto il suo sviluppo ed ha assunto la dimensione di disciplina sportiva codificata. Ed è sempre in Scozia che ha avuto origine il primo vero campo da golf, che, al contrario di quanto credano molti golfisti, non fu St.Andrews ma l' old Links di Musselburgh (East Lothian), che tuttora esiste.

Il gioco del golf piaceva al punto che nel 1457 il parlamento scozzese bandì con atto ufficiale il gioco del “gowf” poiché distraeva le milizie dalle pratiche militari. Tuttavia, il divieto venne totalmente disatteso dalla popolazione, che nel 1502 con il ritiro del bando da parte del Re Giacomo I d' Inghilterra poté finalmente dedicarsi liberamente a questo gioco.

Le prime regole del golf vennero redatte nel 1744, anno in cui venne fondata a Edimburgo la Company of Gentleman Golfers of Leith in occasione di una competizione; successivamente le regole del gioco vennero riscritte dalla Society of St. Andrews Golfers, fondata nel 1754 e più tardi divenuta Royal and Ancient Golf Club of St.Andrews

Ancora oggi quest'ultima redige le regole del gioco per l'Europa, mentre per gli Stati Uniti l'organo preposto è la USGA, fondata nel 1894.

I primi campi da golf

Le prime partite di golf non venivano giocate su veri e propri percorsi, bensì su parchi pubblici, nei quali i giocatori di golf si mischiavano a persone impegnate in altre attività. La figura del caddie nasceva proprio in funzione dell'esigenza di creare "varchi" ai giocatori e garantire la sicurezza necessaria. 

Tuttavia ben presto, con la diffusione del gioco promossa dalla casa reale, i giocatori di golf trovarono aree più idonee alla pratica del gioco. I primi campi di golf erano a ridosso del mare e non avevano un percorso ben preciso.

L'articolo continua dopo il banner

Oggi che anche il golf è notevolmente influenzato dalla tecnologia, risulta assai difficile immaginare che i primi "architetti" dei campi verdi furono le pecore, e che gli ostacoli di sabbia (bunker) non erano altro che delle profonde buche scavate dalle pecore per ripararsi dal forte vento che soffiava dal mare.

I giocatori di golf colpivano le proprie palline su e giù, attraverso distese di prato di altezza variabile, evitando le zone di erba più alte, quelle lontane dal pascolo delle pecore. Fu solo nel 1764 che venne stabilito in 18 il numero delle buche che dovevano costituire il percorso di golf.

I primi bastoni da golf

Per la costruzione dei primi bastoni veniva utilizzato il legno, principalmente il frassino. Fino alla fine degli anni 80 le teste dei legni erano create col persimmon (nespolo) e con il legno di acero, mentre gli shaft (le canne) in hickory. Per dare più stabilità alla parte inferiore della testa veniva applicata una soletta in ABS o altro materiale plastico. 

Le teste dei legni moderni, invece, sono costruite con il titanio e compositi di carbonio, materiali che conferiscono al bastone una maggiore leggerezza e durezza.

Originariamente, ad ogni legno corrispondeva un nome, il legno 1 si chiamava driver (anche oggi si chiama così), “brassie” era il nome del legno 2 , “spoon” il legno 3 e clik il legno 4, ma nel tempo questa tradizione è scomparsa. Oggi esistono principalmente solo i legni con numero disparo (legno 1,3,5,7,9) e vengono chiamati solamente col loro numero.

Le palline di golf hanno subito anch'esse, come i bastoni, una straordinaria evoluzione nella storia del golf. Le vecchie palline erano realizzate a mano dagli artigiani scozzesi con le piume compresse in un involucro di pelle. Mediamente un artigiano riusciva a produrne 6 al giorno. Intorno al 1900 si fa risalire l'introduzione della pallina in guttaperca, molto più resistente della prima e dalle prestazioni superiori.

Ma l'evoluzione più significativa è rappresentata dall'introduzione della pallina a due e tre pezzi. La prima, prodotta dalla Spalding, era composta da un nucleo solido e un rivestimento in Surlyne, un materiale molto resistente, che permetteva di raggiungere distanze interessanti per l'epoca. Questa palla riscosse molto successo soprattutto tra i giocatori medi. I giocatori esperti preferivano, invece, la pallina a tre pezzi: un nucleo liquido rivestito da elastici e copertura in gomma. Questa palla era chiamata “Balata” e garantiva una eccezionale manovrabilità e controllo grazie allo spin che era in grado di generare.

Oggi le palline sono quasi tutte a 3 o 4 strati, il nucleo non è più liquido, e le prestazioni sono decisamente superiori.

Se non lo hai ancora fatto, fatti abbracciare dalla storia del golf e regalatevi un viaggio alla scoperta dei campi storici della Scozia e Inghilterra, come St. Andrews e gli storici links, come Troon, Turnbery, Musselburgh, Carnousty, Kingsbarns, solo per citarne alcuni.

Go to HOME
CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO
NON CI SONO ANCORA COMMENTI
Accetta tutti i Cookie
Preferenze Cookie