L'IMPUGNATURA DEL PUTTING

Esistono diversi modi per impugnare il putter, scopriamo insieme quello giusto per te

il grip del put L'impugnatura del putter, contrariamente a quella del gioco lungo, è suscettibile di alcuni adattamenti e personalizzazioni. Si può notare anche tra i giocatori di torneo professionisti: i modi di impugnare il putter possono essere svariati, a volte perfino molto bizzarri. Senza dubbio il giocatore ricerca l'impugnatura migliore che gli permetta di "sentire" il putter e il suo movimento a pendolo, ma si adotta un tipo di grip piuttosto che un'altro anche considerando la propria meccanica di esecuzione.

Esistono molti modi di impugnare il putter, ma i due miei preferiti sono il grip "reverse overlap" e il "cross hand".

L'impugnatura tradizionale, chiamata reverse-overlap, è probabilmente quella più utilizzata, ma ciò non significa che sia la più adatta a voi.

due modi di impugnare il putterLa caratteristica principale di questo grip sta nella differente posizione dell'indice della mano sinistra, che si va a sovrapporre alle dita della mano destra. Questa diversa collocazione dell'indice porterà la mano sinistra ad impugnare il bastone più sul palmo: cosa tanto sbagliata nel gioco lungo, quanto vantaggiosa nel putt. Questo tipo di impugnatura infatti, inibisce qualsiasi azione delle dita sul bastone, garantendo una maggiore precisione e una migliore sensazione di controllo durante il colpo.

Come vedremo nelle prossime pagine, il movimento che eseguiamo con il putter dovrà essere generato soprattutto dalle spalle e dalle braccia. I polsi dovranno rimanere neutri, passivi, poichè ogni loro movimento comporterebbe un movimento della faccia del bastone, e quindi una inferiore precisione. Il grip migliore sarà quindi quello che metterà le dita e i polsi nella condizione di rimanere più fermi.

Esiste un'altra impugnatura per il putting che io ritengo molto valida e che faccio sempre provare ai miei allievi. Si chiama cross-hand, cioè impugnatura a mani invertite. Questa soluzione prevede che un giocatore destro collochi la mano sinistra sotto la destra (il contarario per i mancini), in questo articolo spiego in modo molto dettagliato l'impugnatura cross-hand e perchè consiglio di adottarla.

L'articolo continua dopo il banner

La pressione del grip

grip frontalAnche su questo aspetto occorre fare alcune considerazioni importanti. Mentre alcuni giocatori amano mantenere una presa morbida sul bastone, con una pressione leggerissima, altri preferiscono stringere le mani sul bastone per avre una maggiore sensazione di connessione mani-braccia. Fermo restando le scelte individuali, che però devono trovare un concreto riscontro di risultato, una impugnatura con poca pressione delle dita è sicuramente più vantaggiosa poichè consente una migliore percezione del peso della testa del bastone e una maggiore rilassatezza delle spalle e delle braccia.

Sarà opportuno inoltre tener presente che una eccessiva pressione delle mani sul bastone non favorisce un movimento fluido e in linea della testa del putter. Molti giocatori, infatti, per eliminare la tensione in eccesso sulle mani e sulle braccia, sollevano di pochi centimetri la testa del putter dal terreno, prima di iniziare il colpo, in modo da percepirne il peso ed eseguire un pendolo più lineare.

Ho l'abitudine di far provare diversi tipi di impugnatura ai miei allievi neofiti nelle prime lezioni di putting, in modo da scegliere insieme quella più adatta e che offre i migliori risultati. Il mio consiglio, principalmente, è di provare sia la tradizionale impugnatura reverse overlap, sia quella cross-hand a mani invertite.

Autore: Guido Caneo
NON CI SONO ANCORA COMMENTI
training aids
Accetta tutti i Cookie
Preferenze Cookie